Falling Bodies in Cinema

In the latest months I have been trying to figure out how cinema represents the falling of human bodies. My idea is that the representation of fall leads to a peculiar kind of relation between images and spectators. On the basis of neural specularity (mirror neurons), we are able to directly feel an empathetic relation with falling bodies, as if we were those very bodies that are falling. The spectator’s corporality is involed in viewing of such images. But how? – that’s the question. Probably the spectator is involved in a wide range of engagements, concerning perceptual, cognitive and emotional patterns. Just to give you an overlook on the topic, I edited this short (and funny) video:

In questi mesi sto cercando di studiare quali sono le modalità con cui il cinema rappresenta la caduta del corpo umano. La mia ipotesi è che la rappresentazione della caduta porti a una particolare forma di relazione fra le immagini e gli spettatori. Sulla base della specularità motoria (neuroni specchio), siamo in grado di sentire direttamente una corrispondenza empatica con il corpo in caduta, come se fossimo noi stessi a cadere. La corporeità dello spettatore è coinvolta nella visione di questo tipo di immagini. Ma come? Probabilmente il coinvolgimento dello spettatore si può realizzare lungo un’ampia gradazione di possibilità, a seconda dei pattern percettivi, cognitivi ed emotivi attivati. Solo per dare un’occhiata generale sull’argomento, ho montato questo breve (e divertente) video:

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s